Atelier di Pittura a Calcutta

Un atelier di pittura a Calcutta

Portare ai bambini di strada, a bambini orfani, abbandonati e spesso abusati il “gioco del dipingere”, significa regalare loro una parentesi, nel loro inferno quotidiano, per essere se stessi in pace e con serenità. Seguendo i principi del Closlieu di Arno Stern, Luisa Adami ha attivato in alcuni dei centri scolastici e rifugi sostenuti da Skychildren uno spazio per la pittura libera e creativa. Dipingere senza seguire un modello, senza programmi o un obiettivo da raggiungere, al riparo da condizionamenti e giudizi, seguendo il proprio ritmo, solo per il proprio piacere, diventa una potentissima occasione di auto gratificazione. In un percorso personale nel quale lo sviluppo della manualità fine si accompagna alla crescita di tutta la persona, i bambini si sentono completamente accolti e possono incrementare la propria autostima, il senso di responsabilità e un equilibrio che, per esempio, pone una barriera alle dipendenze. Si possono manifestare capacità fino ad allora sconosciute al bambino stesso, che ne trae sicurezza e profonda soddisfazione. Bambini troppo traumatizzati per parlare, bambini con disabilità fisiche o cognitive, in questi anni stanno traendo grandissimi benefici dall’opportunità rappresentata da questo progetto.

Video